0

Mi spiego meglio. Ho appena completato un progetto standard di 500 parole circa. Non era una cosa specialistica (erano spiegazioni e indicazioni per una gara di corda, quindi requisiti, programma...). L'ho fatto comunque volentieri però ci ho messo circa 2 ore, decisamente l'avrei considerata traduzione non facilissima. Quali sono le linee guida per cui un progetto viene identificato come standard/pro? E' solo una decisione del "cliente"? In base a cosa il cliente viene incentivato a scegliere un'opzione o l'altra?

L'altro giorno ho fatto una traduzione di un messaggio colloquiale, standard, visto l'obiettivo (era un messaggio da un utente all'assistenza tecnica, molto colorito e con un linguaggio un po' confuso) ho ritenuto di non tradurre una piccola parte molto complicata e poco rilevante (fondamentalmente un insulto con gioco di parole su windows e android) e ho incorporato l'insulto in una frase più lunga. Nella valutazione finale il revisore mi ha segnalato che è stato un errore. Per il livello standard che linee guida ci sono per i traduttori? Non dico che si debba tradurre male perchè una traduzione è standard però non dovrebbe esserci una differenza qualitativa finale? Secondo voi quale?

 

2 comments

  • 0
    Avatar
    Michele Belingheri

    Penso che dipenda più che altro dalle pretese del cliente. Se hai anche solo provato ad acquistare una traduzione avrai di sicuro notato che si può scegliere il prezzo da pagare per ogni parola, partendo (credo) dai 4 centesimi. Per il traduttore potrebbe cambiare poco, lo stesso documento potrebbe essere inviato da un cliente esigente come da uno meno pretenzioso, ma penso che tra i lavori pro a voltre siano incluse traduzioni più impegnative o comunque testi di un certo livello. Comunque sono nuovo su Gengo, sto "tastando il terreno" diciamo, ma penso che più o meno funzioni così. Ciao :)

  • 0
    Avatar
    mirko

    Per il livello "standard" il cliente paga 5 o 6 centesimi di dollaro (a seconda che la traduzione sia ordinata attraverso l'API di Gengo o sul sito, quindi "manualmente"), per cui Gengo intasca 2(!!) o 3(!!!) centesimi a parola per "passarti" il lavoro. Per il livello "pro", il cliente paga 10 o 12 centesimi a parola.

    Quanto alla domanda "Quali sono le linee guida per cui un progetto viene identificato come standard/pro?", in realtà purtroppo è a discrezione del cliente, in quanto Gengo non fa controlli sul materiale e non "costringe" il cliente a ordinare a un certo livello, ma si limita a "consigliare" il livello più adatto a certi tipi di materiale (consigli che molto probabilmente i clienti non leggono nemmeno: http://gengo.com/quality-policy/ ma anche se li leggessero se ne fregherebbero comunque). Del resto la "fetta" che si prende Gengo è praticamente quasi la stessa sia per i lavori "standard", sia per quelli "pro", per cui alla fine per loro cambia poco in un senso o nell'altro (anzi, i prezzi stracciati attirano più clienti, quindi...), mentre cambia, e molto, per chi deve tradurre...

    Sta quindi a noi decidere se ci va bene lavorare su un dato materiale e/o a quella tariffa, oppure segnalare un lavoro come "troppo specialistico" per quel livello (cosa in pratica inutile, se poi lo traduce comunque qualcun altro...). Per quanto mi riguarda, considero 3 centesimi di dollaro (ma anche di euro) semplicemente troppo pochi per qualsiasi tipo di traduzione, anche se si trattasse di frasi tipo "The pen is on the table".

    Tu ad esempio hai lavorato 2 ore per tradurre 500 parole (il che è abbastanza nella norma come velocità per un testo non particolarmente complesso), e hai guadagnato 15 dollari, che tradotto in euro al cambio attuale(+paypal), fa circa 13 euro, cioè 6,5 euro all'ora, LORDI...

    Quanto alla qualità, in effetti la differenza c'è... nel senso che per mantenere la "qualifica standard" devi avere una media delle valutazioni pari almeno a 7, per la "pro" pari a 8, per la "ultra", pari a 9. Questo significa che, tendenzialmente, chi traduce al livello "standard" può commettere qualche errore in più rispetto a chi traduce al livello "pro", stessa cosa per il "pro" rispetto al livello "ultra", ma non credo proprio che il revisore faccia distinzione tra livelli quando fa la revisione, lasciando correre per una traduzione "standard" e diventando più severo per un lavoro "pro" o "ultra".

Please sign in to leave a comment.